#Pubblica e #Senzaprofitto

da Acquabenecomune Mantova

Giovedì 2 agosto: consiglio provinciale, tenuto nella sede municipale di Mantova per inagibilità post terremoto della sala consigliare della Provincia. Al punto 18 si discute delle linee di indirizzo e del piano di programma dell’Ufficio d’Ambito, l’azienda speciale che, in applicazione della legge regionale lombarda, sostituisce l’Autorità di Ambito Territoriale Ottimale nell’organizzazione del servizio idrico integrato.

Nonostante le ferie ed il caldo, tanti cittadini presenti e tante bandiere azzurre, quelle del Forum dei movimenti per l’acqua, per ricordare a chi dovrà decidere che poco più di un anno fa, sull’acqua, c’è stata una vittoria referendaria che non può essere tradita.

Quattro ore di attesa, una discussione non certo serena, ma finalmente il risultato sperato: la gestione del servizio idrico a Mantova dovrà essere pubblico e privo di finalità di profitto e i criteri di trasparenza e partecipazione non dovranno essere limitati alla sola pubblicità degli atti, ma allargati alla pubblicità delle sedute della conferenza dei sindaci, andando a prevedere anche modalità di partecipazione dei cittadini.

Oggi giornali e media locali hanno parlato della vittoria di SEL, che ha caparbiamente sostenuto la nostra battaglia per l’acqua pubblica e che attraverso la continua discussione con i componenti della maggioranza consigliare ha ottenuto la presentazione congiunta da parte dei capigruppo di quell’emendamento che poi ha portato al voto del Consiglio.

Il Comitato Acqua Bene Comune ha lavorato altrettanto caparbiamente, ma non abbiamo bisogno di visibilità se non per ribadire che questa è stata una vittoria del “Popolo dell’Acqua” quel popolo che si era già attivato in occasione della campagna referendaria e che ora è ritornato ad informarsi e ad informare, ad attivarsi per continuare a ripetere che, sull’acqua pubblica, non abbiamo scherzato. E’ quello stesso popolo dell’acqua che ha chiesto conto di quanto stava accadendo ai propri rappresentanti e che ha saputo alzare la voce per chiedere rispetto e coerenza.

A noi il piccolo merito di aver diffuso notizie, informazioni, segnalazioni di allerta, di aver catalizzato competenze e suggerimenti e di aver spinto per una nuova, decisa mobilitazione, che si è fatta sentire anche senza alzare la voce, anche attraverso l’ironia sulla pagina del Comitato Acqua Mantova in rete.

Ora si riparte con una nuova certezza: le scelte politiche hanno un peso, ma devono trovare attuazione. È questo che ora ci aspettiamo da chi dovrà agire nell’interesse e nel rispetto dei cittadini mantovani, sapendo che quegli stessi cittadini sono attendi, determinati e non disposti a lasciar decidere senza di loro.

GRAZIE A CHI HA PERMESSO QUESTA PICCOLA VITTORIA: abbiamo vinto il biglietto per continuare il percorso che dovrà riaffermare il significato di acqua bene comune, di rispetto della volontà popolare.

Perché si scrive acqua e si legge democrazia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...