Poletti vattene!

 polettiIl Paese non soffrirà a non averti più tra i piedi

Questo pomeriggio abbiamo voluto rispondere alle parole di Poletti. Non lo chiamiamo Ministro perché non lo riconosciamo più come tale. Questo “signore” è tra i responsabili del Jobs Act e della liberalizzazione dei voucher. Da quando è al Governo ne sono stati venduti oltre 265 milioni.

Lui e il governo Renzi, in linea con i governi dell’ultimo ventennnio, hanno sistematicamente tolto diritti ai lavoratori e spostato oltre 20 miliardi di euro dai salari ai profitti; hanno tagliato i fondi a scuola e università, approvato la buona scuola e firmato accordi con Mc Donald’s per mandare gli studenti a friggere patatine, chiamando “tirocinio formativo” il lavoro non pagato.
Nonostante la sonora bocciatura al referendum del 4 dicembre, nonostante i fallimenti evidenti delle politiche del lavoro (sfruttato e precario) introdotte in questi anni, con la battuta sui giovani espatriati per cercare lavoro, Poletti abusa ancora della nostra pazienza.

Ora basta: Poletti si deve dimettere ed il Paese non soffrirà a non averlo più tra i piedi.

Annunci

LAVORO E WELFARE A MANTOVA: NON È UNA SLIDE CHE CAMBIA LA VITA

stageFermiamo l’istituzionalizzazione della precarietà

Il Comune di Mantova ha annunciato di volere spendere 500mila euro in tirocini formativi retribuiti e in incentivi all’assunzione di giovani (16-29 anni) residenti a Mantova in aziende di tutta la provincia. Questo progetto non ha ancora un nome ma negli annunci entusiastici ricorda da vicino la fallimentare “Garanzia Giovani” che ha avuto come unico risultato la spartizione di 1,5 miliardi di euro pubblici tra agenzie interinali private ed imprese (comprese le false cooperative “sociali”).

In questi progetti ai giovani vengono lasciate le briciole, tirocini in aziende che ricevono un lauto sussidio e sulle quali non c’è controllo su orari e mansioni: ci sono testimonianze nel mantovano che raccontano dell’espediente di cambiare il “giovane da inserire” ogni tot mesi per ricevere più fondi regionali ed assicurarsi manodopera a basso costo sotto forma di stage.

Le politiche attive del lavoro degli ultimi anni stanno rendendo sempre più strutturale la precarietà, plasmando la persona per abbatterne le aspettative e i diritti e renderla merce a basso costo con lavori sottopagati e “freejob”. La disoccupazione sul territorio mantovano, al netto delle statistiche che definiscono occupato chi lavora per pochi voucher a settimana, ha ormai superato il 10% con una crescita preoccupante della fascia tra i 24 e i 34 anni.

Visto che per ora siamo solo alla fase degli annunci e alle slide sul web, chiediamo al Comune di Mantova di impegnarsi concretamente affinché il progetto annunciato non si trasformi nei soliti regali per gli imprenditori locali. Chiediamo che vengano privilegiate le imprese giovanili che possono realmente beneficiare di una scossa positiva e le realtà organizzate in modo autenticamente cooperativo. Si potrebbero pensare interventi anche per inoccupati con più di 29 anni, visto che ormai la disoccupazione riguarda tutte le età.

Infine chiediamo al Comune di impegnarsi attivamente per eliminare l’utilizzo dei voucher come forma di pagamento all’interno dei propri servizi e di eliminare l’utilizzo del volontariato laddove si presenta come lavoro camuffato. Chiediamo di prevedere fin da subito controlli su mansioni e orari e di garantire il pagamento del lavoro svolto con salari giusti.

Cosa sta succedendo in Francia?

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo contributo scritto da Calimaco, compagno mantovano che ha avuto modo di indagare sul campo alcuni aspetti della mobilitazione contro la “Loi du Travail”, la nuova legge sul lavoro francese. 

“Trovandomi in Francia per motivi personali condivido con i compagni di eQual queste poche impressioni raccolte sul campo con l’intento di riportare alcuni particolari che normalmente non si trovano sui media e che possono aiutare a capire meglio cosa sta accadendo in Francia.

13442124_1139416992766203_450629723982607853_nDiscutendo con amici lavoratori dipendenti e con diverse persone che per vivere esercitano un’attività in proprio, emerge chiaramente una profonda delusione per l’attuale governo in carica. Governo che si autodefinisce di sinistra, ma che ormai analogamente come in altri paesi, ha una tabella di marcia dettata da poteri che stanno più in alto, i quali han deciso di intaccare i pilastri dello stato sociale e le garanzie dei cittadini e dei lavoratori. Mi ha sorpreso la preoccupazione di tanti piccoli imprenditori ben consapevoli che la riforma del Lavoro “Loi du Travail” favorirà principalmente i grandi gruppi ed avrà quindi ripercussioni anche sull’economia dei piccoli commercianti oltre che sui salari dei lavoratori ed è per questo che spesso sono solidali con chi protesta e sciopera. Sanno che la riforma serve principalmente per contenere le richieste salariali: con meno denaro disponibile da spendere i lavoratori si rivolgeranno verso la grande distribuzione per risparmiare. Molti di loro sono immigrati in Francia e hanno la sensazione di rivivere un film già visto quando si son spostati dall’Italia alla Francia per trovare un’opportunità, anche mettendosi in proprio. In Francia dove la piccola distribuzione riesce ancora a resistere nei centri urbani ci sono ancora molte attività commerciali aperte, che rendono viva la città.

13487926_10209270791798042_565914174_n

La seconda impressione che emerge chiaramente raccogliendo le testimonianze di molti
lavoratori è la consapevolezza che se non verrà contrastato il disegno di legge “El Khomri” il governo non si fermerà. Sono convinti che chi gli detta la linea (grandi imprese, banche e speculatori) ha appetiti che difficilmente possono essere soddisfatti. Dopo la riforma del lavoro sanno che uno dei pilastri successivi è la sanità: la finanza è interessata dalla massa di denaro che si potrebbe riversare nei mercati dalla ingerenza del privato nella sanità pubblica.

Allora a questo punto trovandomi a Nizza, in uno dei centri urbani più importanti per popolazione ed economia, vorrei vedere materialmente cosa gira intorno a chi è riuscito ad organizzare la protesta che prima è partita dagli studenti e poi dai lavoratori.

Mi informo sulla sede locale della CGT, una delle sigle sindacali più grandi in Francia, ma curiosamente i miei amici non sanno dove sia e neppure ne hanno memoria. IMG-20160622-WA0001

Cerco su internet “Union locale Nice C.G.T.” all’inizio del Boulevard Jean Jaurés al numero 34, partendo da Place Masséna ai lati della Promenade du Paillon, bellissimo e centralissimo giardino pubblico. Mi avvio e abituato alle camere del lavoro metropolitane di Bologna, Milano, o Brescia, comparabili per importanza ad una città come Nizza, cerco di individuare un palazzo che possa occupare la Union Locale. Con grande sorpresa trovo al numero 34 una singola vetrina con annessa porta d’ingresso.

Penso ad un’errore.

Invece sono tutto li come struttura che si fonda sulla militanza e penso a cosa sono stati in grado di fare ed organizzare con pochissime risorse a disposizione. Chiedo informazioni e mi viene spiegato che la CGT ha circa 600.00 iscritti a livello nazionale. Inoltre non si occupa di servizi ai cittadini direttamente, in quanto il cittadino è già seguito a livello nazionale e locale per i servizi, l’attività principale del sindacato è la parte sindacale.

Grandi.”

Solidarietà ai metalmeccanici in sciopero

13029712_1088990974476557_8748808847060278009_oQuesta mattina abbiamo partecipato alla manifestazione di Mantova per lo sciopero dei lavoratori metalmeccanici. La lotta degli operai per il rinnovo del contratto riguarda tutti/e e l’adesione dalle varie fabbriche della provincia (Belleli, Cima, Bondioli&Pavesi, Zanetti, Piusi, Comer, Berman, Marcegaglia, etc.) è stata altissima.

In Italia e nel nostro territorio c’è chi si arricchisce sulle nostre spalle (portando pure i capitali all’estero) mentre i lavoratori sono costretti a subire le delocalizzazioni e l’aumento della precarietà (voucher e Jobs Act) e chi lavora fatica sempre di più per stipendi sempre più bassi. Provano in tutti i modi a dividerci, ma questo attacco violento non fa distinzioni tra lavoratori italiani o stranieri e colpisce anche l’istruzione, la sanità e i beni comuni. Per questo la solidarietà tra lavoratori di diverse categorie, ma anche tra studenti, pensionati e inoccupati diventa ancora più importante. È ora di dire basta e invertire la rotta contro l’arroganza del Governo e degli imprenditori-padroni partendo dalla difesa del contratto nazionale e dagli aumenti salariali. Per questo abbiamo partecipato allo sciopero uniti e determinati.

Houston avete un problema: la Belleli resiste


12773274_10207758143065340_2023186588_oSolidarietà ai lavoratori in lotta

Alla Belleli di Mantova sta andando in scena una recita vergognosa, con manager-sciacalli che giocano con le vite delle persone. A fine febbraio è arrivata la “proposta” di Alix Partners che da qualche tempo si è insediata alla guida della fabbrica di via Taliercio: disdetta dei contratti, taglio salari, licenziamenti e la cancellazione dei diritti conquistati in anni di lotte e sacrifici.

I lavoratori hanno sentito puzza di bruciato intorno a questa imposizione di sacrifici che chi comanda si sente legittimato a sbattere in faccia gli operai. Sono stati i lavoratori, tramite la propria RSU, a far saltare giustamente il banco bloccando subito la fabbrica con uno sciopero ad oltranza e cacciando i manager dai cancelli dello stabilimento. Tre giorni di mobilitazione che come eQual abbiamo seguito da vicino: blocchi stradali, belleliassemblee affollate e l’autogestione della produzione dei lavori già iniziati.
Con le repentine dimissioni dell’Amministratore Delegato di Belleli Energy Cpe, Daniel Schlanger, si fa strada l’ipotesi sciagurata che i “consulenti economici” della Alix Partners volessero (e vogliano) tagliare i costi del lavoro (stipendi ed esuberi) per vendere l’azienda al miglior offerente, il tutto sulla testa di 320 lavoratori.

La situazione è in evoluzione e per questo è necessario sostenere questa lotta operaia perché quello che si profila è uno scontro di classe che riguarda tutte e tutti i lavoratori e i cittadini mantovani.

INTERVISTA AL SEGRETARIO DELLA FIOM (ed RSU della BELLELI) MAURO MANTOVANELLI: https://www.youtube.com/watch?v=KmApU6Mb7OI

Manifestazione al polo chimico di Mantova: no alla svendita di Eni/Versalis!

IMG_20160120_113544

Questa mattina abbiamo manifestato al polo chimico di Mantova‬ insieme ai lavoratori di ‎Eni‬ / ‎Versalis‬. Lo sciopero ha coinvolto tutti gli stabilimenti italiani del gruppo, con picchi di partecipazione del 100% a Gela e a Brindisi. La multinazionale energetica è infatti intenzionata a svendere il settore strategico della chimica di base per orientarsi verso l’esplorazione ed estrazione di petrolio e gas. Questa svendita di un patrimonio industriale pubblico crea inoltre le condizioni per una crisi occupazionale: per lo stabilimento mantovano non ci sarebbero infatti garanzie per la tenuta del processo produttivo.

Gruppi ristretti di azionisti e manager brindano ai loro guadagni, mentre la maggior parte della popolazione sta vivendo una situazione drammatica: il territorio mantovano ha già sopportato il peso di diverse crisi aziendali e, specialmente nelle aziende di grandi gruppi societari, è stata martoriata da una strategia di annientamento che colpisce i lavoratori, la produzione e l’ambiente, prima con l’inquinamento e poi con le mancate bonifiche. Un “capitalismo straccione” che da vent’anni prosegue senza sosta un pericoloso binomio di delocalizzazioni e dismissioni di capitale pubblico che sta asportando gli organi vitali dell’economia di questo Paese e della nostra città. Ancora più grave quando questa strategia viene attuata dallo Stato per svendere un’azienda pubblica ai privati.

Manca una seria politica industriale e dopo anni di errori strategici mancano drammaticamente una coscienza forte e compatta in tutto il mondo del lavoro, e forze politiche adeguate a dare battaglia contro questa ondata neoliberista. Oggi abbiamo eravamo presenti per dare un impulso alla costruzione di legami solidali tra lavoratori e sostenere le rivendicazioni dei 960 dipendenti mantovani di Versalis e le centinaia di lavoratori dell’indotto.

 

Vel-ENI: la svendita di Versalis

Senza titolo-1La vicenda Versalis che porterà alla svendita di azioni pubbliche da parte di ENI e che apre una fase di incertezza per migliaia di lavoratori mantovani, non avviene all’improvviso.

Nel luglio 2014, in piena estate e nel silenzio della politica locale, eravamo intervenuti per “unire i puntini” di fatti apparentemente scollegati tra loro. È infatti in corso un lento processo di privatizzazione del colosso energetico, iniziato nel 1995. Una volta al potere, Renzi ha promosso Emma Marcegaglia (nota sostenitrice della privatizzazione) a capo della multinazionale del cane a sei zampe; la sorella di un industriale che ha patteggiato milioni di euro per un processo legato a tangenti ad Enipower ed ex-presidente della Confindustria che, sempre a luglio 2014, chiedeva la cessione di nuove quote azionarie di Eni. Già nel 2012 al battesimo di Versalis si iniziava a parlare concretamente di “liberare risorse” per “risollevare gli stabilimenti in crisi” con esplicito riferimento a quelli italiani ed europei. Ed arrivò l’annuncio per investimenti da 50 miliardi di euro per il gas del Mozambico che si accompagnava all’annuncio dello stop ai finanziamenti per la raffineria di Gela.
Ora la vendita avanza e nel mirino di Eni c’è Versalis: la multinazionale energetica sembra essere più interessata all’esplorazione ed estrazione di petrolio e gas rispetto al settore strategico della chimica di base. L’annuncio dell’amministratore delegato di Eni, De Scalzi relativo alla “ricerca di una partnership per Versalis”, tradotto in soldoni, significa la vendita della maggioranza delle azioni ad una multinazionale privata; un affare che sa di svendita. E purtroppo il cerchio della lenta privatizzazione iniziato vent’anni fa non è nemmeno chiuso. Un trasferimento di proprietà di Versalis, inoltre, crea le condizioni per una crisi senza precedenti: lo stabilimento farebbe ovviamente parte del pacchetto in svendita e non ci sono garanzie per la tenuta del processo produttivo. Questo ha messo in allarme i sindacati e destato preoccupazione tra i 960 dipendenti di Versalis e le centinaia di lavoratori dell’indotto a cui siamo vicini e che sosterremo attivamente nelle loro mobilitazioni.
Piccoli gruppi di azionisti e manager brindano ai loro guadagni, mentre la maggior parte della popolazione sta vivendo una situazione drammatica: il territorio mantovano ha già sopportato il peso di diverse crisi aziendali e, specialmente nelle aziende di grandi gruppi societari, è stata martoriata da una strategia di annientamento che colpisce i lavoratori, la produzione e l’ambiente. Un “capitalismo straccione” che da vent’anni prosegue senza sosta un pericoloso binomio di delocalizzazioni e dismissioni di capitale pubblico che sta asportando gli organi vitali dell’economia di questo Paese e della nostra città.

La battaglia nella grande distribuzione riguarda tutti

DSC_0052

Il presidio al centro commerciale “La Favorita”. (Foto di Sara Romanelli)

Sabato 7 novembre i lavoratori e le lavoratrici della grande distribuzione hanno incrociato le braccia per l’importante sciopero generale nazionale della categoria. La mobilitazione ha colpito grandi gruppi quali Ikea, Carrefour, Coin e Auchan, tutti appartenenti a Federdistribuzione, associazione fuoriuscita da Confcommercio e che negli ultimi tempi sta impersonando il ruolo del nuovo padronato.

I centri commerciali si affacciano alla ribalta del conflitto sociale in tutta la loro ambiguità di “non luoghi”: dietro le vetrine e le luci artificiali si nasconde una corsa al ribasso dove a prevalere è la diminuzione della qualità dei prodotti e lo sfruttamento della forza lavoro. Una situazione che sta provocando la rabbia di un settore che conta mezzo milione di lavoratori che iniziano a  non sentirsi più tali ma veri e propri schiavi costretti a lavorare secondo i tempi imposti dagli imprenditori e dal profitto e non nel rispetto dei tempi di vita. La liberalizzazione degli orari e dei giorni di apertura del decreto “Salva Italia” di Monti ha rappresentato il classico “dalla padella alla brace”, aprendo di fatto le porte ad una completa ridefinizione dei rapporti contrattuali. Emblematica è stata la vertenza Ikea: dopo aver promosso per anni la partecipazione e la condivisione sindacale, il colosso svedese ha deciso di convertirsi al “verbo federdistirbutivo” cancellando con un violento colpo di spugna 25 anni di accordi.

12195971_10205461353116488_7784688705842990595_n

Lavoratori e lavoratrici in sciopero all’Ipercoop Virgilio.

Alla luce di questo quadro va perciò letta la buona riuscita dello sciopero del 7 novembre (il secondo del settore, dopo quello indetto dall’USB il 1 Novembre scorso), che oltre a quello della logistica, è stato l’unico sciopero generale degli ultimi mesi.
Nella nostra provincia i dati diffusi dalle sigle sindacali parlano di un’alta adesione nei centri commerciali Coop (l’80% a Suzzara e Penny, sopra al 60% al Virgilio e 50% alla Favorita) e di una bassa adesione nelle altre catene commerciali presenti in città. Davanti all’Ipercoop la Favorita si è concentrato il presidio più numeroso, partecipato da oltre un’ottantina di persone: importante e significativa è stata la partecipazione della FIOM con delegazioni provenienti dalle fabbriche Marcegaglia e Belleli, oltre alla segreteria provinciale. Buona partecipazione anche ai presidii davanti all’Ipercoop Virgilio e alla coop di Suzzara (presenti anche in quel caso delegazioni Fiom).

DSC_0066Come eQual abbiamo partecipato numerosi/e portando con noi l’immancabile striscione “un torto fatto a uno è un torto fatto a tutti” per provare a dire una cosa semplice: lo sciopero riguardava tutti, clienti compresi. E questo non per generica solidarietà, ma perché non esiste lavoratore in Italia che non stia sperimentando direttamente i tagli salariali, l’incertezza sul futuro, la crescente prepotenza padronale. A giudicare dalle reazioni, dalle chiacchiere di chi si è fermato spontaneamente a parlare, il messaggio era immediatamente condivisibile: la tendenza all’allungamento della giornata e della settimana lavorativa, senza distinzione tra feriale e festivo (pagati sempre meno) è una delle tendenze generali in atto in ogni comparto lavorativo.

La partecipazione allo sciopero è stata per noi un’altra tappa di un percorso iniziato nel 2012 a fianco dei lavoratori del Faschion District, un percorso che ci vede in prima linea nella battaglia politica, sindacale e culturale contro l’arroganza di chi vorrebbe obbligarci ad abbassare la testa e metterci gli uni contro gli altri.
Che si parli della grande fabbrica, della grande distribuzione o delle cooperative dei trasporti oggi è chiaro che solo i lavoratori e le lavoratrici che si organizzano e manifestano uniti possono fare la differenza contro un regime di sfruttamento legalizzato da provvedimenti sul lavoro iniqui come il Jobs Act del governo Renzi.

Renzi #STAIpocoSERENO! Foto dal contro-comitato di benvenuto

Più di cento persone hanno partecipato al presidio organizzato per dare il “benvenuto” al Presidente del Consiglio, Matteo ‎Renzi‬. Per la prima volta dopo anni, un numero di manifestanti significativo per una piccola città si è radunato per contestare direttamente il capo di un Governo e le sue scelte politiche, economiche e sociali; un fatto storico se si considera la “tradizionale” cultura politica di Mantova.

Lavoratori, disoccupati, studenti, donne e uomini italiani e non: queste le categorie sociali unite oggi in piazza Cavallotti per dimostrare che dietro gli annunci, le comparsate televisive e i tweet di Renzi c’è il nulla. Striscioni e cartelli che non sono fatti per i “salotti buoni” ma che parlano la lingua di chi sta pagando la crisi. Perché il JobsAct‬ peggiora e peggiorerà la vita di milioni di persone italiane e immigrate che ogni giorno fanno i conti con precarietà e sfruttamento. Perché privatizzazioni e nuovo cemento sono il gran regalo a multinazionali e grandi imprenditori offerto dal decreto “Sblocca-Italia”, mentre sprechi come il‪ ‎TAV e la vergogna nazionale dell’‪Expo‬ costano decine di miliardi di euro provenienti dalle nostre tasse. Perché un governo che accetta gli ordini della BCE e taglia sullo stato sociale, sulla sanità e sull’istruzione, sta portando il paese verso il baratro, alla faccia della ‎buonascuola‬.

Renzi, come di consueto, è dovuto entrare e uscire da un ingresso secondario per evitare la pesante contestazione.

Nonostante le difficoltà e il poco tempo a disposizione, siamo riusciti ad organizzare la manifestazione e siamo orgogliosi del risultato ottenuto (e per nulla scontato). Ringraziamo tutte e tutti quelli che hanno partecipato: oggi si è potuto vedere che tra il Berlusconismo 2.0 di Renzi e l’estrema destra di Salvini‬, si può e si deve costruire una alternativa che parte dal basso e dai bisogni reali delle persone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Uniti contro false cooperative e sfruttamento

Un centinaio di lavoratori e lavoratrici delle cooperative provenienti da tutta la provincia hanno manifestato questa mattina (14/02/15) davanti alla Prefettura di Mantova‬. Ancora una volta si chiede il rispetto dei contratti nazionali di categoria, lo stop dei peggioramenti salariali in occasione dei cambi d’appalto e maggiori controlli da parte delle autorità affinché colpiscano le “false cooperative” che sfruttano i lavoratori.

Le rivendicazioni si intrecciano poi con le situazioni delle singole realtà produttive: i lavoratori del Macello Virgilio di Bagnolo San Vito non hanno alcuna sicurezza di essere reintegrati nel caso riprendesse la produzione; le lavoratrici della Lavanderia Facchini di San Benedetto Po sono in lotta da oltre tre mesi e da gennaio è possibile sostenere la campagna per il loro reintegro partecipando alla raccolta firme; nelle cooperative con appalti presso Bertani, Nestlè‬, Prosus, ‎Iveco‬, Promafrost, Lombardini, etc. i lavoratori vedono costantemente peggiorare le loro condizioni di lavoro.

Che si parli della grande fabbrica, della grande distribuzione o delle cooperative dei trasporti oggi è chiaro che solo i lavoratori e le lavoratrici che si organizzano e manifestano uniti possono fare la differenza contro un regime di sfruttamento legalizzato da provvedimenti sul lavoro iniqui come il Jobs Act.