In Marcia sui Sentieri Partigiani III

inmarcia2017small15.07 | Mantova – Malga Lunga (Bg)
IN MARCIA SUI SENTIERI PARTIGIANI III

Sabato 15 luglio – Terza edizione di “in marcia sui sentieri partigiani”: escursione popolare sulle orme della 53^ Brigata Garibaldi “13 Martiri” nella zona della Val Gandino e Lago d’Iseo, nella provincia di Bergamo.

★ L’associazione eQual organizza una nuova gita sociale della memoria: il 15 luglio torniamo sui luoghi di battaglia dove più di settant’anni fa contadini e operai antifascisti diedero vita ad una delle più importanti brigate combattenti dell’Italia settentrionale, capace di seminare il panico tra le fila dei nazisti e dei loro fantocci repubblichini italiani. Celebre la battaglia di Fonteno (Bg), uno dei più importanti episodi del movimento partigiano in Lombardia. Molti gli uomini che la 53a sacrificò alla causa resistenziale: dai “Tredici martiri” fucilati il 22 dicembre 1943, da cui prese il nome, alla squadra di Giorgio Paglia, catturata nel Rifugio Malga Lunga a Sovere, il luogo simbolo della storia di questa brigata, ora trasformato in Museo della Resistenza.

★ Cammineremo insieme tra la memoria viva dei sentieri, degli alberi e delle pietre che raccontano le storie del nostro passato, l’eco di una guerra combattuta tra chi partiva volontario nel nome di libertà e uguaglianza e chi serviva i fautori di dittatura e diseguaglianze sociali. Lo facciamo perché quella Storia con la S maiuscola è alla radice del nostro impegno e perché in un mondo nuovamente colmo di ingiustizie, la Resistenza è un obbligo civile, morale e politico.

★ Saremo accompagnati dai volontari dell’ANPI della provincia di Bergamo che ci racconteranno la storia del territorio e della brigata “13 Martiri”; un momento comunitario e sociale per stare insieme e costruire nuova consapevolezza contro le finte memorie condivise di cartapesta e i “mal di Pansa” che generano revisionismi storici indegni.

Oggi come ieri, in cammino e in lotta per un mondo
di libertà, uguaglianza e giustizia sociale
★★★

———————————————
INFORMAZIONI PRATICHE:

– Partenza ore 7:30 dal parcheggio PalaBAM (Mantova)
(7:10 ritrovo casello Pegognaga).
– Rientro per le 19:15 circa.
– Escursione sui sentieri della Malga Lunga (percorso adatto a tutte le età).
– Quota di iscrizione 20 euro, incluso pranzo in Malga (13 euro per studenti e inoccupati, 5 euro per i bambini)

Per informazioni / prenotazioni: mandaci un messaggio alla pagina fb, o una mail a gruppoequal@gmail.com

Annunci

No alla guerra tra poveri per una società più libera e solidale

12654236_1037941336248188_6491087725878952706_nTra sabato e domenica mattina si sono svolti una decina di banchetti/volantinaggi nei quartieri della città e nell’hinterland per sensibilizzare i cittadini sul clima di “guerra tra poveri” e sul tema dell’estrema destra neofascista che si insinua in questo clima di insicurezza sociale. Una iniziativa lanciata dall’associazione eQual che ha visto l’adesione e la partecipazione di diverse realtà di base, sociali, sindacali e partitiche: FIOM, Comitato Cittadino “Peter Pan” LunettaFrassinoVirgiliana, Comitato Cittadini di Viale Risorgimento, Centro Bruno Cavalletto, Arci Mantova, Arci Virgilio Club, Arci Fuzzy, A.R.C.I. TE Brunetti, Arci Salardi, ANPI Mantova , Associazione di Mediazione Interculturale Al Nur , Rifondazione Comunista Mantova, SeL – Sinistra Italiana Mantova e Arcigay La Salamandra Mantova.

La crisi economica sta colpendo in egual modo la maggioranza della società: lavoratori italiani e stranieri, disoccupati, studenti, pensionati etc. È il momento in cui chi sta in basso può prendere coscienza e scegliere di ribellarsi: proprio a quel punto spuntano sempre fuori i burattini sciocchi e violenti del sistema, vecchi e nuovi fascisti che fanno il loro sporco teatrino di distrazione di massa.
Durante l’ultimo anno anche nel mantovano si sono verificati vandalismi notturni, aggressioni fisiche, raid contro sedi di partito/sindacato e strutture di accoglienza realizzati da esponenti dell’estrema destra neofascista.

Per questo decine cittadini, lavoratori, studenti e attivisti della città hanno deciso di dare un segnale pacifico, ma nuovo nell’approccio e forte nei contenuti: una azione comune per ribadire che a Mantova non c’è spazio per l’infezione della guerra tra poveri, per chi predica odio e intolleranza, ma soprattutto che chi è realmente interessato al bene comune non può fare altro che impegnarsi quotidianamente per una società più libera, giusta e solidale.

Rapporto immigrazione 2014: meno immigrati e più sfruttamento

2011-04-01-altan-immigratiI fatti hanno la testa dura e non hanno appartenenza politica: i dati dell’ultimo rapporto sull’immigrazione realizzato dalla Provincia di Mantova delineano una situazione complessa, ma ben diversa dai proclami di “invasione” che i soliti ciarlatani della politica lanciano da mesi per raccattare due voti e diffondere la guerra tra poveri.

Il primo dato che colpisce è la diminuzione del numero complessivo dei migranti e, insieme ad esso, il numero di coloro che si trovano in condizione di clandestinità. Facendo i conti c’è chi si basa sulla irregolarità dello 0,9% della popolazione totale per portare avanti la propria campagna elettorale.
L’82% degli stranieri sul territorio mantovano ha un lavoro: come per i lavoratori italiani, la crisi economica e le pessime riforme hanno portato ad una forte precarizzazione dei rapporti di lavoro che ha squalificato anche i migliori contratti a tempo indeterminato.
Pochi giorni fa siamo tornati pubblicamente sul tema casa: riteniamo folle voler fare divisioni tra chi ha diritto o meno ad una casa proprio quando ci sono migliaia di case sfitte sul mercato e centinaia di alloggi pubblici da riqualificare per rispondere all’emergenza abitativa. Il rapporto provinciale informa inoltre che è in aumento l’acquisto di una casa di proprietà da parte di nuclei famigliari immigrati e diminuisce drasticamente il fenomeno del famoso “vivono in 10 in una casa” .
Per chi, infine, blatera continuamente di “invasione islamica” deve essere sconcertante il fatto che il grosso provenga dall’Est-Europa o dal continente asiatico e che solo 4 su 10 degli immigrati sul territorio mantovano sia di religione musulmana.

In questo panorama sociale non mancano di certo problemi oggettivi legati all’inclusione e, per chi rimane ai margini, l’avvicinamento al mondo della criminalità, causati anche da una gestione politica improvvisata e spesso ideologica del fenomeno. Quello che è chiaro è che queste problematiche non si risolveranno certo dall’oggi al domani o con facili slogan.

Per questo, insieme alla crisi, dobbiamo combattere anche chi alimenta la guerra tra poveri: ogni giorno politici da strapazzo indicano dei “nemici” da combattere, mentre da dietro banchieri, grandi imprenditori e speculatori ci scippano soldi, lavoro, sanità, istruzione, ambiente e la nostra stessa dignità senza guardare al colore della pelle. Ci sono lingue, storie e provenienze diverse, ma ci ritroviamo tutte e tutti nella stessa condizione. Oggi non ci servono proclami di odio, ma la volontà politica di unirsi per costruire una società più giusta e solidale, dove le risorse vengono utilizzate per garantire una vita dignitosa a tutti e non per speculazioni e tangenti.

[ Qui è disponibile la sintesi del rapporto immigrazione 2014 della Provincia di Mantova http://bit.ly/1wdEU2D]

Smontare il razzismo in 140 battute

Descrivere la realtà, storpiandola e reinterpretandola a proprio uso e consumo, è una delle abilità messe in campo da De Marchi della Lega Nord. L’oggetto delle sue provocazioni, che si concretizzano in “vuoti di memoria” e minacce, è ora rappresentato dai profughi provenienti dalla Libia ospitati a Mantova. Per smontare le falsità e superficialità del consigliere leghista, il gruppo eQual sceglie di non spendere “più di 140 battute”, praticamente un tweet.

Le argomentazioni minacciose del consigliere si possono smontare facilmente. Il gruppo di iniziativa sociale sta infatti diffondendo viralmente un breve testo, adatto per twitter ma anche per ogni tipo di social network, che recita: / Prima #Maroni pasticcia con i #profughi, poi #DeMarchi fomenta i #razzisti mentre la #Lega crolla per gli scandali. Non ci fregate+ #eQual / Un gesto semplice e diretto per far riflettere sulla condizione dei profughi e sulla miseria di chi aizza l’odio per recuperare consenso elettorale: i profughi sono arrivati in Italia mentre il ministero dell’interno era presieduto dal leghista Maroni e sono stati obbligati a fare richiesta di asilo politico; frettolosamente il governo ha messo a disposizione della Protezione Civile centinaia di milioni di euro per la loro accoglienza che hanno iniziato ad alimentare un circuito in cui alcuni hanno iniziato a fare profitto (diversi Descrivere la realtà, storpiandola e reinterpretandola a proprio uso e consumo, è una delle abilità messe in campo da De Marchi della Lega Nord.

L’oggetto delle sue provocazioni, che si concretizzano in “vuoti di memoria” e minacce, è ora rappresentato dai profughi provenienti dalla Libia ospitati a Mantova. Per smontare le falsità e superficialità del consigliere leghista, il gruppo eQual sceglie di non spendere “più di 140 battute”, praticamente un tweet. Le argomentazioni minacciose del consigliere si possono smontare facilmente. Il gruppo di iniziativa sociale sta infatti diffondendo viralmente un breve testo, adatto per twitter ma anche per ogni tipo di social network, che recita:

/ Prima #Maroni pasticcia con i #profughi, poi #DeMarchi fomenta i #razzisti mentre la #Lega crolla per gli scandali. Non ci fregate+ #eQual /

Un gesto semplice e diretto per far riflettere sulla condizione dei profughi e sulla miseria di chi aizza l’odio per recuperare consenso elettorale: i profughi sono arrivati in Italia mentre il ministero dell’interno era presieduto dal leghista Maroni e sono stati obbligati a fare richiesta di asilo politico; frettolosamente il governo ha messo a disposizione della Protezione Civile centinaia di milioni di euro per la loro accoglienza che hanno iniziato ad alimentare un circuito in cui alcuni hanno iniziato a fare profitto (diversi sono gli scandali registrati in Italia). In tanti hanno tratto vantaggio da questo, tranne i profughi: le procedure burocratiche li hanno gettati in un “limbo” in cui non possono spostarsi né lavorare e da quasi un anno vivono giornate sempre uguali, in attesa di sapere qualcosa sul loro futuro; tra l’altro fino al 31 dicembre i richiedenti asilo hanno una copertura giuridica ministeriale alla faccia di chi definisce “clandestini” per il solo gusto di fomentare l’odio. Il consigliere De Marchi tutto questo lo sa ma scherza col fuoco prendendo in giro i cittadini e soprattutto i suoi elettori per ridare lustro ad un partito avviato verso il declino. Dalle lauree comprate in Albania ai giri di soldi, passando per l’assalto alle poltrone nei vari cda locali, la Lega Nord si è rivelata come una delle più grandi truffe politiche di sempre.

Lo stesso Maroni ha dichiarato di recente che il partito ha, negli anni, investito tutto sulla paura e sul razzismo per garantirsi un forte consenso elettorale. Oggi De Marchi propone di risolvere con le botte i pasticci creati dall’ex ministro (e futuro capo della Lega Nord) quando erano al governo. Per questa serie di motivi, la proposta di manifestare contro i profughi “clandestini” da mandare via a “calci nel culo” è solo l’ennesima carnevalata di chi non ha più nulla da dire e si lascia andare a derive fascistoidi per recuperare consenso.sono gli scandali registrati in Italia). In tanti hanno tratto vantaggio da questo, tranne i profughi: le procedure burocratiche li hanno gettati in un “limbo” in cui non possono spostarsi né lavorare e da quasi un anno vivono giornate sempre uguali, in attesa di sapere qualcosa sul loro futuro; tra l’altro fino al 31 dicembre i richiedenti asilo hanno una copertura giuridica ministeriale alla faccia di chi definisce “clandestini” per il solo gusto di fomentare l’odio.

Il consigliere De Marchi tutto questo lo sa ma scherza col fuoco prendendo in giro i cittadini e soprattutto i suoi elettori per ridare lustro ad un partito avviato verso il declino. Dalle lauree comprate in Albania ai giri di soldi, passando per l’assalto alle poltrone nei vari cda locali, la Lega Nord si è rivelata come una delle più grandi truffe politiche di sempre. Lo stesso Maroni ha dichiarato di recente che il partito ha, negli anni, investito tutto sulla paura e sul razzismo per garantirsi un forte consenso elettorale. Oggi De Marchi propone di risolvere con le botte i pasticci creati dall’ex ministro (e futuro capo della Lega Nord) quando erano al governo. Per questa serie di motivi, la proposta di manifestare contro i profughi “clandestini” da mandare via a “calci nel culo” è solo l’ennesima carnevalata di chi non ha più nulla da dire e si lascia andare a derive fascistoidi per recuperare consenso.