Uniti contro false cooperative e sfruttamento

Un centinaio di lavoratori e lavoratrici delle cooperative provenienti da tutta la provincia hanno manifestato questa mattina (14/02/15) davanti alla Prefettura di Mantova‬. Ancora una volta si chiede il rispetto dei contratti nazionali di categoria, lo stop dei peggioramenti salariali in occasione dei cambi d’appalto e maggiori controlli da parte delle autorità affinché colpiscano le “false cooperative” che sfruttano i lavoratori.

Le rivendicazioni si intrecciano poi con le situazioni delle singole realtà produttive: i lavoratori del Macello Virgilio di Bagnolo San Vito non hanno alcuna sicurezza di essere reintegrati nel caso riprendesse la produzione; le lavoratrici della Lavanderia Facchini di San Benedetto Po sono in lotta da oltre tre mesi e da gennaio è possibile sostenere la campagna per il loro reintegro partecipando alla raccolta firme; nelle cooperative con appalti presso Bertani, Nestlè‬, Prosus, ‎Iveco‬, Promafrost, Lombardini, etc. i lavoratori vedono costantemente peggiorare le loro condizioni di lavoro.

Che si parli della grande fabbrica, della grande distribuzione o delle cooperative dei trasporti oggi è chiaro che solo i lavoratori e le lavoratrici che si organizzano e manifestano uniti possono fare la differenza contro un regime di sfruttamento legalizzato da provvedimenti sul lavoro iniqui come il Jobs Act.

Annunci

Lavanderia Facchini di San Benedetto Po: fermare lo sfruttamento, difendere il lavoro. Tocca a noi.

La vertenza delle lavoratrici della Lavanderia Facchini di San Benedetto Po (Mn) non si ferma. Da tre settimane infatti prosegue la raccolta firme di solidarietà che vede impegnate le ex dipendenti della Lavanderia, la FIT-CISL e l’associazione eQual. Tra mercati dei paesi vicini, fabbriche del territorio, circoli Arci e vari esercizi commerciali sono già state superate le seicento firme e numerose sono state le dimostrazioni di solidarietà. Ripercorriamo qui le tappe successive al nostro primo aggiornamento di ottobre per capire le ragioni e gli sviluppi di questa importante iniziativa.

IL LICENZIAMENTO CONSENSUALE

Dopo che a ottobre il rappresentante della cooperativa con l’appalto all’interno della Lavanderia aveva comunicato a voce la cessazione della produzione, è iniziato un periodo di disoccupazione per i 55 lavoratori, in maggioranza donne, senza il sostegno di alcun ammortizzatore sociale.

10406749_809377689104555_1293032710768198294_n

Il presidio durante con l’incontro cooperativa-sindacati del 24 novembre.

Il 24 novembre si è svolto un incontro tra i rappresentanti della Cogest 2013 (la cooperativa) e i rappresentanti sindacali presenti in azienda (FILCTEM-CGIL e FIT-CISL). All’esterno della sala il presidio organizzato per dimostrare la volontà dei lavoratori a non accettare accordi al ribasso ha registrato un’ottima partecipazione tra le lavoratrici, supportate anche da attivisti provenienti dalla città. La prima ricaduta pratica della mobilitazione è stata l’imposizione che la concertazione sindacale si svolgesse in loco con tempi certi e in presenza di delegati sindacali di tutti i sindacati e di lavoratrici dello stabilimento, al contrario delle occasioni precedenti.

Il licenziamento consensuale proposto dalla cooperativa sarà accettato il giorno dopo l’incontro solo dalla rappresentante CGIL: una buonuscita economica, senza più alcun diritto sui diritti pregressi. I rappresentanti della FIT-CISL hanno invece ribadito e concordato con i rappresentanti della cooperativa l’esigenza di un nuovo incontro a due giorni di distanza per una più attenta valutazione delle condizioni necessarie per la tutela delle lavoratrici (qui articolo Gazzetta di Mantova). Questo anche per evitare che un accordo frettoloso potesse agire da sanatoria sugli errori commessi dalla cooperativa nella compilazione delle buste paga, come già avvenuto nel passato: parti di TFR (Trattamento di Fine Rapporto) al posto dello stipendio, errato conteggio delle ore mensili, impiego non chiaro della “banca ore” (ore-tampone cumulabili usate per mantenere intatto lo stipendio anche in assenza di commesse: capitava però che queste venissero scalate anche durante i periodi di lavoro a pieno regime).

L’incontro richiesto dalla FIT-CISL non ha però mai avuto luogo. Riportiamo le parole di Jenny Maestrini: « non condividevamo il contenuto dell’accordo raggiunto dalla rappresentanza CGIL e della cooperativa. Era perciò necessario riformulare le condizioni per tutelare meglio i diritti delle nostre iscritte. La Cogest però ha completamente disatteso l’accordo del 24 novembre non ripresentandosi al tavolo per rivedere le condizioni (annullando l’incontro pochi minuti prima del suo inizio). Ad una ulteriore richiesta formale di incontro non è stata data alcuna risposta e da allora non c’è stato nessun altro incontro.»

IL RIFIUTO DELLA CASSA INTEGRAZIONE E IL RI-COLLOCAMENTO FUORI PROVINCIA

10857776_820960791279578_3406593540339965009_n

17 dicembre 2014 – Prima giornata di sciopero

La cooperativa è stata definita più volte “associazione a delinquere” dai lavoratori per le condizioni di lavoro imposte e ha confermato la propria fama affossando la domanda di cassa integrazione avanzata dai lavoratori ancora formalmente assunti. La cooperativa ha motivato la propria decisione insieme all’intimazione a presentarsi al lavoro presso altri siti produttivi fuori provincia come Milano, Brescia e Genova, senza alcun rimborso spese. Il 17 dicembre, ad un’ulteriore intimazione della cooperativa con sede a Roma a presentarsi in servizio(con una proposta di rimborso pari a 20€ per Milano) i lavoratori decidono di entrare in sciopero, con un presidio davanti al municipio di San Benedetto, fino alla scadenza del contratto (31 dicembre), per impedire ritorsioni e sanzioni disciplinari/licenziamenti.

Il 20 dicembre, nel corso della commemorazione del 70esimo anniversario della Battaglia partigiana di Gonzaga, una delegazione di lavoratrici della lavanderia partecipa insieme agli attivisti di eQual alla cerimonia con uno striscione per affermare la continuità tra la lotta partigiana del passato e la lotta attuale per un’Italia basata sulla giustizia sociale anziché sulla sopraffazione.

LA CAMPAGNA DI SOLIDARIETÀ

E’ tra la fine del 2014 e l’inizio del nuovo anno che le lavoratrici decidono di proseguire la mobilitazione con il sostegno di eQual e della FIT-CISL: si sparge infatti la voce che la lavanderia, dotata di macchinari molto moderni e di un vasto portafoglio clienti, possa riaprire sotto un’altra gestione, proprietaria o appaltante, risparmiando ancora di più sulla retribuzione oraria dei dipendenti, ergo rendere ancora più umilianti le condizioni di lavoro. Il frequente viavai dallo stabilimento di imbianchini, giardinieri, tecnici, di alcune dipendenti di un’altra cooperativa (che aveva già precedentemente gestito la lavanderia) hanno reso le voci molto più consistenti. Da segnalare anche il fatto che un annuncio per l’assunzione di un magazziniere tessile in zona San Benedetto Po riporta il numero della partita IVA dell’azienda “Coopera”, un consorzio di cinque realtà di cui fa parte anche “Laserra società cooperativa” che già per un breve periodo aveva avuto in in appalto la produzione all’interno della Lavanderia (qui lo screenshot).

10933947_836677419707915_8438286752901258860_n

La conferenza stampa di lancio della campagna di solidarietà

Il 10 gennaio durante una partecipata conferenza stampa è stata così ribadita la volontà di proseguire il percorso di difesa del posto di lavoro con una raccolta firme per sensibilizzare la cittadinanza e riceverne la solidarietà. Le rivendicazioni sono chiare e precise: si chiede l’applicazione del contratto nazionale di categoria (cosa mai avvenuta negli ultimi tre anni), la riassunzione diretta delle ex-dipendenti senza l’intermediazione delle false cooperative e la fine delle discriminazione d’età con la tutela delle lavoratrici più anziane (definite “bolse”, termine spregiativo per indicare le lavoratrici quando diventano meno “produttive”). Si pretende inoltre la fine della discriminazione delle lavoratrici straniere attraverso il ricatto del permesso di soggiorno e la conseguente guerra al ribasso tra le lavoratrici a solo vantaggio della proprietà.

DIVISI SIAMO NIENTE, UNITI SIAMO TUTTO

La raccolta firme ha avuto una buona risonanza ed è attualmente in svolgimento. Oltre ai diversi momenti di raccolta nelle piazze dei paesi del circondario la raccolta si è attivata in diverse fabbriche vicine, circoli ed esercizi commerciali di San Benedetto Po, Quistello e Pegognaga. Ogni piccolo passo è una conquista resa possibile grazie all’impegno diretto e alla coordinazione delle lavoratrici, dei sindacalisti, degli attivisti e dei cittadini solidali che ritrovano la motivazione di fare comunità. E’ una battaglia dura e lunga attraverso la quale è però possibile ricostruire quei legami di solidarietà e giustizia sociale che un tempo erano pratica diffusa nell’Oltrepò e tra i suoi abitanti. La campagna non è ancora terminata e la lotta per la riassunzione si preannuncia densa di nubi, ma in questi due mesi tante cose insperate sono state organizzate e la pratica rafforza la fiducia nei propri mezzi. La solidarietà e la partecipazione sono muscoli che vanno allenati, soprattutto di fronte al dilagare di una crisi che riguarda la maggioranza del Paese. Per questo continueremo a sostenere la vertenza delle lavoratrici Facchini e a diffondere aggiornamenti e a promuovere partecipazione.

Un torto fatto a uno è un torto fatto a tutti. Anche a San Benedetto Po.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Contro finte cooperative e sfruttamento: uniti si può vincere!

Sabato mattina abbiamo partecipato al presidio dei lavoratori e delle lavoratrici di diverse cooperative del mantovano: in tutto più di un centinaio di persone hanno manifestato davanti alla Prefettura, occupando per alcuni minuti anche la strada antistante mentre una delegazione di lavoratori e rappresentanti sindacali (tra i quali Emmanuele Monti) incontravano il Prefetto. Un presidio locale che però si è bene inserito all’interno della giornata di mobilitazione nazionale contro IKEA per il reintegro dei 24 facchini ingiustamente licenziati da una delle cooperative che operano per il colosso svedese, con presidi, volantinaggi e picchetti attuati davanti agli IKEA-store sparsi in tutta la penisola. A dimostrazione che quello che accade nel nostro territorio è purtroppo condizione generale del settore della cooperazione.

Bertani, Consorzio Latterie Virgilio, Iveco, Lombardini, Nestlé, Lavanderie Facchini, etc. sono solo alcune delle aziende mantovane al cui interno si sono sviluppate negli ultimi mesi numerose vertenze e scioperi (1)(2)(3). Aziende nelle quali lo sfruttamento è retto da un sistema di subappalti tramite le ‘finte’ cooperative, vero e proprio caporalato che consente ai padroncini di organizzare il lavoro non applicando nemmeno i contratti nazionali, con poche tutele normative e contrattuali, con la turnazione degli orari di lavoro e la ripartizione delle ore lavorate – e quindi del salario – effettuata in maniera arbitraria e discriminatoria. Questo sistema è possibile anche grazie all’utilizzo di un gran numero di lavoratori privi della cittadinanza italiana, più facilmente ricattabili attraverso il rinnovo del permesso di soggiorno e più facilmente raggirabili dai padroncini delle cooperative a causa della scarsa conoscenza della lingua e quindi della conseguente difficoltà nel districarsi tra le norme che regolano il diritto del lavoro. Non ci stupiamo nemmeno più del fatto che questi ‘padroncini’ siano poi gli stessi che sui siti internet o sui social network inveiscono contro i migranti e gli stranieri.

10502130_10203691746247961_4728799099982701857_n

Il presidio di sabato mattina ha rappresentato un altro passo nel collegamento tra le vertenze presenti nel settore della cooperazione nella nostra provincia ed è riuscito ad individuare come controparte non solo le singole aziende committenti, ma anche le organizzazioni datoriali delle cooperative come Legaccop, Confcoop e AGCI: un cambio di strategia importante per riuscire a far si che i diritti siano fatti rispettare in tutte le cooperative, anche attraverso l’impegno diretto delle istituzioni, che su questo tema oramai, non possono più fare finta di nulla.

Le rivendicazioni dei lavoratori e delle lavoratrici sono chiare: basta sfruttamento, rispetto dei diritti sanciti dai contratti collettivi (minimi retributivi, ferie, permessi, R.O.L., etc.), eliminazione del lavoro nero, aumenti salariali per portarli a livelli dignitosi. Che si parli della grande fabbrica, della grande distribuzione o della logistica oggi è chiaro che solo i lavoratori e le lavoratrici che si organizzano e manifestano uniti possono fare la differenza contro un regime di sfruttamento legalizzato da provvedimenti sul lavoro iniqui come il Jobs Act.

Campagna di boicottaggio di Granarolo

boicott

Questa mattina in diversi supermercati di Mantova si sono tenute azioni di boicottaggio nei confronti di Granarolo. Attivisti del gruppo eQual hanno esposto volantini e applicato etichette sui prodotti nei banchi frigo, che invitano a non comprare i prodotti del gruppo felsineo: dietro l’immagine accomodante e familistica che l’azienda della “grande mucca” propone ai consumatori, ci sono storie di sfruttamento, 41 licenziamenti e botte per i facchini davanti ai cancelli degli stabilimenti, colpevoli di avere reclamato dignità e rispetto dei lavoratori.
Anche l’arma del boicottaggio e della pressione mediatica sull’immagine della Granarolo, vanno considerate come tasselli di una lotta più grande: le azioni sono state realizzate all’interno di una campagna nazionale di solidarietà alla vertenza dei facchini.