TU CHIAMALE SE VUOI…ELEZIONI

elezioniprovinciaFinisce l’era Pastacci. Il pasticcio legislativo mantiene l’ente Provinciale facendo sparire il voto dei cittadini (ma favorendo gli accordi sottobanco)

Volge al termine una delle peggiori amministrazioni provinciali di cui si conservi memoria. Il presidente Pastacci e la sua giunta in questi anni si sono distinti per la loro capacità di scaricare su altri le responsabilità del peggioramento dei servizi (dai trasporti alla scuola, dai servizi idrici a quelli amministrativi), svolgendo di fatto il ruolo di semplici esecutori dei tagli a livello statale e regionale.
Pastacci ha pure ricoperto l’incarico di presidente dell’Unione delle Province d’Italia tra il 2014 e il 2015, eppure non lo abbiamo mai visto combattere veramente il sistema del Patto di Stabilità e i tagli del Governo. Il suo gradimento è stato certificato dalla “Waterloo” della sua candidatura a sindaco alle elezioni di San Benedetto Po, dove è stato doppiato nei voti dal suo diretto rivale.

Ora è il momento di rinnovare le cariche dell’ente provinciale, ma qualcosa nel frattempo è cambiato. Con la legge Delrio del 2014 infatti, i cittadini non hanno più voce in capitolo: a votare saranno solo i sindaci e i consiglieri comunali. Trattasi in gergo amministrativo di “elezione di secondo livello”, il meccanismo che si vorrebbe introdurre anche per il Senato (un motivo in più per votare NO). “La sovranità apparteneva al popolo”, insomma.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: il 30 agosto si vota eppure non si è ancora parlato di programmi, di futuro del territorio e di un reale miglioramento della vita dei cittadini. Non è così strano se si tiene conto che né centro-destra, né centro-sinistra, né tanto meno i sedicenti “civici” hanno realmente intenzione di mettere in discussione lo stato di cose presente, nessuno ha intenzione di mettere in discussione le scelte del Governo in merito ai servizi pubblici, alle privatizzazioni e al lavoro, nessuno ha intenzione di combattere realmente il Patto di stabilità, i tagli e lo svuotamento dei principi democratici.

Ecco allora che va in scena uno scontro tra bande che si combatte a suon di accordi nelle segrete stanze di partiti e comitati di influenza. Eppure le province hanno ancora molte funzioni fondamentali per il territorio: i trasporti, l’edilizia scolastica, la pianificazione territoriale, la rete stradale, la gestione dei servizi pubblici integrati, etc. L’obbiettivo dei Governi è ormai chiaro: togliere gradualmente ai cittadini qualsiasi controllo democratico affidando le funzioni pubbliche ad agenzie esterne e/o privatizzandole per far fare profitti ai privati. Difficilmente sentirete qualche candidato a queste “elezioni” parlare di questi temi.

Tocca a noi, con tutti i mezzi a nostra disposizione, rimettere al centro del dibattito politico i reali interessi della maggioranza della popolazione smascherando i giochi di potere di politicanti in cerca di scalate.

Annunci

ANCORA BUCHI NELL’ACQUA PER I MANTOVANI


buchinellacquaNuove nomine nel cda di Tea, l’annuncio di una onlus “ambientalista” e fusioni, ma la truffa del 2013 è ancora lì.

La nomina del nuovo Cda di Tea Spa vede il sindaco Palazzi, il maggior azionista, stringere alleanze trasversali con Fava della Lega Nord. Chiude il proprio mandato l’amministratore pro-privatizzazione Gualerzi, si riconferma nell’Ufficio d’Ambito il “privatizzatore dem” Roveda e, mentre avanza l’ipotesi di fusione tra Tea e Aimag, spunta dal nulla una fondazione per favorire percorsi ambientalisti. Idea: e se ripubblicizzassimo l’acqua dei mantovani?

Finisce l’epoca Gualerzi, il commercialista della Lega Nord tutto intento a far quadrare i conti e ancora di più i dividendi per gli azionisti: amministratore di un’azienda pubblica, la lascia un po’ più privata di come l’ha trovata; è lo stesso che si dichiarò contrario al referendum del 2011 vinto dai cittadini e tradito dalla politica di centrodestra e centrosinistra. Come in ogni Spa, il nuovo Cda risente del peso squilibrato del 75% delle quote azionarie detenute dal Comune di Mantova: il Sindaco Palazzi ha stretto un patto d’acciaio con Fava della Legafavapalazzi Nord in modo da emarginare i partiti e la fronda dei comuni “ribelli”. Il nuovo Presidente di Tea è il commercialista Massimiliano Ghizzi, tesoriere del Partito Democratico nonché uomo di fiducia di Ezio Zani, l’avvocato dem omnipresente al fianco dell’attuale sindaco nelle foto della sua campagna elettorale ma impresentabile a causa di una inchiesta della magistratura sull’affare delle “casette dell’acqua”. In tema di poltrone, va verso la riconferma all’Autorità d’ambito territoriale ottimato Candido Roveda, ex sindaco di Roncoferraro e al momento unico autore dell’ammissione che l’acqua dei mantovani è stata privatizzata per una precisa scelta politica (qui il video).
onlusDal nulla, nel senso che non è stata discussa dalla maggioranza in via Roma, né dai soci di Tea, è stata annunciata la creazione di “Fondazione Tea”: una onlus che gestirà 400mila euro circa all’anno per sostenere progetti innovativi in campo ambientale. Noi un progetto ce l’abbiamo già e lo ripetiamo da oltre cinque anni: ripubblicizzare l’acqua dei mantovani.
Nel disegno strategico renziano (ma non solo) c’è l’accorpamento delle aziende ex-municipalizzate, portandole verso pochi gestori privati nazionali divisi per aree geografiche: la probabile fusione tra Tea e Aimag, nonostante le rassicurazioni, farebbe il gioco di Hera, che entrerebbe nel nuovo assetto societario come un cavallo di Troia, e la politica locale strizzerebbe l’occhio alle richieste del governo e della finanza. Di certo le parole favorevoli del Sindaco di Mantova, Mattia Palazzi, non vanno nella direzione del controllo pubblico né tantomeno (vista anche la natura privata di Tea Acque) in quella dei migliaia di cittadini che hanno vinto un referendum e sostengono le ragioni di un’acqua pubblica tolta dalle mani private.

A fronte di tanti annunci, belle parole, sorrisi e strette di mano, gli interessi dei cittadini continuano ad andare alla deriva in un mare politicamente inquinato.

Expo Mantova: arresti, palloni gonfiati e il “museo del maiale”

expoburgoPurtroppo non è uno scherzo: un museo del maiale in 3D sarà realizzato nelle cantine di Palazzo Ducale per Expo 2015.

Trecentomila euro messi a disposizione dalla Camera di Commercio e dalla Regione Lombardia (l’assessorato di Fava come avevamo preannunciato nella nostra inchiesta). Una operazione culturale di dubbio gusto proprio in un momento in cui la cultura e i musei mantovani soffrono la mancanza di fondi, idee e competenze non clientelari. Così come di dubbia utilità sarà la mongolfiera del padiglione galleggiante di Expo.

Solo una settimana fa una nuova ondata di arresti nell’ambito dell’inchiesta della procura antimafia di Milano sugli appalti per Expo ha portato in carcere anche un imprenditore mantovano.
Denunciamo da tempo i rischi legati alle grandi opere come Expo e alla corruzione, mentre tutti incensano Expo 2015 come “un volano per il rilancio dell’economia italiana”: una economia che da noi significa crisi, delocalizzazioni, fabbriche chiuse e crisi aziendali che negli ultimi mesi hanno falciato centinaia di posti di lavoro.

Mentre a Milano si ipotizza l’allestimento di un padiglione Expo presso il carcere di San Vittore, noi qui a Mantova potremmo far sventolare un maiale gonfiabile sulla cartiera Burgo chiusa: a parte citare i Pink Floyd, sarebbe la provocazione adatta per un modo “bestiale” di fare politica, cultura e impresa.

La città in ostaggio

sodanoLa farsa della sfiducia a Sodano andata in scena in Consiglio Comunale non ha vincitori ma una sola grande sconfitta: Mantova con tutti i suoi cittadini. Con la nuova coda polemica relativa alle frasi sul “sequestro” del leghista Simeoni pronunciate in Aula dal Presidente Longfils si può parlare apertamente di una città da quattro anni ostaggio di una amministrazione incapace, che appena eletta aveva iniziato la guerra ideologica agli “accattoni” e che si è ritrovata ad elemosinare quella manciata di voti necessari per sopravvivere.

Nonostante sia rimasto a galla, ha perso il Sindaco Sodano che nel 2010 aveva promesso un’epoca di “cambiamento”, ma la sua amministrazione si è contraddistinta per una certa continuità con quelle precedenti. In settori strategici per lo sviluppo della città, il ritornello è sempre stato lo stesso dell’ultimo decennio: cemento, supermercati, telecamere, parcheggi a pagamento; solo un po’ meno di quanto fatto dal centrosinistra, complice la crisi, e con quel piglio un po’ destroide necessario per caratterizzare la propria azione politica.
Il centrodestra in via Roma è stato dunque dilaniato da guerre interne in cui partiti e liste civiche prima si sono spartiti assessorati, commissioni e posti nei consigli di amministrazione, salvo poi abbandonare lentamente la nave come topi quando questa ha iniziato ad imbarcare acqua.

Hanno sicuramente perso anche le opposizioni: nessuno ricorda un assedio politico rilevante per fermare, ad esempio, il PGT con le sue nuove cementificazioni o la privatizzazione dell’acqua dei mantovani; adesso, a pochi mesi dalle elezioni, la strategia di puntare tutto sulla mozione di sfiducia, ovvero sull’affondamento del barcone del centrodestra si è rivelata un fallimento politico e strategico. Quasi cinque anni di opposizione per il Pd, sono una eternità: dovrebbero bastare per riflettere sugli errori e presentarsi per tempo con idee, personalità e competenze forti. La vicenda Sodano ha invece messo in luce l’assenza di una strategia, di un vero rinnovamento e di un progetto alternativo, quasi come se questi anni fossero passati inutilmente.

Il disastro di quattro anni di centrodestra è dunque palese, ma con esso va a fondo tutta una classe politica che negli ultimi quindici anni ha amministrato Mantova in nome di interessi privati anziché per il bene comune dei cittadini. Oggi l’alternativa politica, sociale e culturale per la città non c’è, ma proprio questa alternativa è ormai una necessità impellente; bisogna ricostruire Mantova dalle rovine e farlo in fretta e con serietà.

La torre galleggiante – Mantova Expo 2015

Anche Mantova vuole far parte di Expo 2015: mentre a Milano fioccano arresti e indagini nei confronti di politici di centrodestra e centrosinistra che avevano creato un sistema di tangenti per favorire imprese politicamente “amiche”, da noi gli amministratori stanno ancora elaborando i primi progetti. Tra questi ci sarebbe la “torre galleggiante”, il padiglione mobile da piazzare sul lago di mezzo; giusto tra la Ies spenta e la Burgo chiusa. Uno “scherzetto” che dovrebbe costare tra le 350 e i 450mila euro, di cui 50.000 andranno all’archistar portoghese per il progetto. Per realizzare l’opera dovrebbero collaborare economicamente Comune, Provincia, Camera di Commercio,Parco del Mincio e Confindustria. Con molta ironìa abbiamo elaborato anche noi una nostra versione del progetto, ispirata ad una saga cinematografica.
padiglione

Cast e personaggi:

Pàstacc il Bianco: Alessandro Pastacci, Presidente della Provincia di Mantova
Sodo Braghins: Nicola Sodano, sindaco di Mantova
Benedorm il ramingo: Giampaolo Benedini, ex assessore ai lavori pubblici di Mantova
Arwen Maròn: Roberto Maroni, Presidente della Regione Lombardia
Fàvowin: Giovanni Fava, assessore regionale all’agricoltura
Mordor: Milano

Nella marcia verso Expo 2015 nubi minacciose si alzano all’orizzonte. Quella che doveva essere la grande manifestazione si sta rivelando un affare per pochi che si scambiano favori e somme di denaro aiutati da bande di orchetti; il territorio viene devastato da cemento e opere inutili. Nella Contea di Mantova tutto arriva in ritardo: la Compagnia dell’Anello di Monaco, formata da Pàstacc il Bianco, il Sindaco Sodo Braghins e Benedorm il ramingo civico, si sono incontrati alla cascata del Vasarone, ma sono ancora indecisi su come partecipare al grande evento. Ripetono che non ci sono soldi per case popolari, aiutare gli hobbit disoccupati, ripubblicizzare le acque ormai privatizzate eppure cercano fondi per grandi opere. Tra le altre proposte, mentre i carri meccanici che vanno dalla contea di Mantova fino a Mordor sono sempre guasti o in ritardo, si pensa a particolari e costosi carri ristorante; il progetto più imponente (e indispensabile?) per la Contea sembra però essere quella della grande torre galleggiante sul lago di mezzo: un avveniristico padiglione che costerà diversi sacchi di soldi d’oro di privati e soldi d’argento del patrimonio di tutta la città di Paludeville e della Contea di Mantova. Da Mordor, tra scandali, ritardi nei lavori e arresti eccellenti, il presidente Arwen Maròn osserva e ripete che tutto va bene; nel frattempo, dal suo scranno regionale, Fàvowin tuona contro tutti i rappresentanti della Contea per la loro inettitudine.

Il malaffare, lo spreco, la cementificazione e la cialtroneria vanno fermate: servirà l’impegno unito di uomini, donne, elfi, nani e hobbit. Ce la faranno i nostri eroi?