Al Lavoro!

locandina work3AL LAVORO!

Giovedì 30 ottobre inizia “Al Lavoro!” un ciclo di incontri organizzato dall’associazione eQual per raccontare, conoscere e approfondire il lavoro al tempo della crisi: tra ottobre e gennaio tre appuntamenti tra inchieste, dibattiti e performance nei quali il filo conduttore sarà la precarietà lavorativa ed esistenziale, narrata e comunicata attraverso linguaggi diversi: l’immagine, le parole e la rappresentazione scenica.

Dal supporto alle vertenze sviluppatesi sul territorio fino alla creazione di uno sportello preQario di mutuo aiuto e passando anche per azioni di denuncia di situazioni di sfruttamento, come eQual in due anni e mezzo ci siamo impegnati sul tema del lavoro basandoci su impegno concreto e solidarietà; lo abbiamo fatto collaborando direttamente con i lavoratori e con i sindacalisti più attivi nella difesa degli interessi di chi lavora contro le molteplici forme di precarietà e sfruttamento.

In piena crisi economica l’attacco ai lavoratori e alla loro dignità è sempre più forte e provvedimenti come il Jobs Act non fanno che certificare un salto all’indietro epocale sul tema dei diritti; anche per questo abbiamo deciso di creare tre appuntamenti per offrire una narrazione alternativa del lavoro e delle sue problematiche.

(tutti gli eventi si terranno presso il Teatro delle Capuccine (piazza S. Leonardo 1 – Mantova)

Giovedì 30 ottobre dalle ore 21

I CAMION DEGLI ALTRI
Proiezione della video-inchiesta vincitrice del Premio Roberto Morrione per il giornalismo d’inchiesta 2014 sul mondo dell’autotrasporto e le sue ombre; a seguire dibattito con l’autore, LORENZO PIROVANO, ed il sindacalista EMMANUELE MONTI.

27 novembre: dalle ore 21

VITE AL CENTRO

Proiezione del documentario autoprodotto sul mondo della condizione lavorativa nella grande distribuzione organizzata. A seguire dibattito con gli autori e interventi di lavoratrici della GDO.

30 gennaio: dalle ore 21

LA REPUBBLICA FONDATA SUL LAVORO… PRECARIO

Intervento di teatro-forum sul tema del lavoro e della precarietà a cura dell”Associazione “Giolli”- teatro dell’oppresso- di Reggio Emilia

Annunci

Boicotta chi sfrutta: Primo maggio di lotta al Fashion District

Dopo l’incursione digitale di sabato sulla pagina facebook dell’Outlet di Bagnolo San Vito, eQual ha effettuato un’altra serie di azioni creative, questa volta sul campo, al Fashion District di Bagnolo San Vito. Il gruppo ha collocato sotto ai cartelli stradali nei pressi del centro commerciale alcuni cartelli segnaletici con le scritte “sfruttamento” e uno con l’invito a “boicottare chi sfrutta non comprando in questa giornata”.

Successivamente, insieme ad altri attivisti di alcune forze politiche di città, sono stati distribuiti ai clienti che entravano nel centro dei cartellini con la scritta “Il lavoro è un diritto, ma non ad ogni costo. Sostieni i lavoratori e boicotta chi li sfrutta: oggi non comprare nulla” con sopra impresso un singolare prezzo “0 euro” per sottolineare che la dignità del lavoro non è in vendita e invitare cosi a non fare acquisti durante la giornata.
Una forma di protesta nel solco della campagna contro la decisione di tenere aperto il primo maggio; la festa dei lavoratori dovrebbe essere un giorno festivo e di riflessione sul lavoro per tutti. Con l’estrema deregulation degli orari di apertura, questa ricorrenza viene sacrificata per un pugno di scontrini in più. Per le lavoratrici e per i lavoratori, opporre resistenza a questa situazione diventa difficile: i numerosi contratti a tempo determinato da rinnovare di volta in volta sono, specialmente per chi ha anche affitti e rate da pagare, una spada di Damocle che fa accettare condizioni di lavoro al ribasso.
La posa dei cartelli di questa mattina e la distribuzione dei “cartellini dei prezzi” sono iniziative di solidarietà diretta ai lavoratori e alle lavoratrici del fashion district. L’invito di eQual a tutti i cittadini occupati o inoccupati è quello di solidarizzare con i dipendenti dell’outlet e di tutti i centri della grande distribuzione, boicottando queste strutture quando tengono aperto in giornate festive.

“Un torto fatto a uno è un torto per tutti”
eQual