UN PARCO DI MILLE COLORI 2^ EDIZIONE

parcomillecoloriGiochi di gruppo, colori, una sana merenda, musica, laboratorio su api e semi hanno riempito il parco di San Benedetto Po lo scorso sabato in occasione dell’iniziativa promossa dai volontari e le volontarie del GAS Il Filo di Paglia, progetto dell’associazione eQual.

Una proposta concreta per stimolare la curiosità, il dialogo,la partecipazione dei bambini e dei genitori alla vita condivisa del parco e alla cura dei beni comuni: sono nate proposte per il futuro che sottoporremo agli altri genitori e alla cittadinanza, abbiamo seminato insieme prospettive per rendere migliore il parco a beneficio di tutti. Siamo convinti che dai piccoli come dai grandi problemi se ne esca insieme costruendo dialogo, solidarietà e coltivando il cambiamento.

Ringraziamo di cuore le mamme, i papà, i volontari, gli artisti, gli attivisti, le associazioni che hanno contribuito a realizzare questa giornata, ma soprattutto i bambini che ci hanno arricchiti con i loro sorrisi, le loro domande e la loro curiosità.

Rimanete collegati a questa pagina e a quella del GAS il filo di paglia per le prossime iniziative.

Annunci

GRAVISSIMO: AGGRESSIONE NEONAZISTA IN PIENO CENTRO A MANTOVA

ghosttNella tarda serata di sabato, un gruppo di estremisti di destra ha aggredito e malmenato un giovane lavoratore che stava bevendo una birra con i suoi amici. Si sono avvicinati ad uno dei locali del centro, lo hanno riconosciuto come un simpatizzante di movimenti di sinistra, hanno tentato inutilmente di provocarlo e strattonarlo e, infine, gli hanno sferrato un pugno in piena faccia; in seguito gli aggressori sono scappati via.

Le provocazioni di stampo neofascista a Mantova  contro attivisti sociali e sedi politiche vanno avanti con intensità da anni, ma mai si era arrivati ad una violenza così grave. Sono sempre quei teppisti di estrema destra che scimmiottano il terrorismo squadrista degli anni Venti; si spostano sul territorio per fomentare odio contro lavoratori stranieri e richiedenti asilo, organizzano “legalmente” banchetti e manifestazioni di propaganda razzista e omofoba, e “legalmente” celebrano i fascisti morti in guerra con parate nostalgiche.

Tutto questo avviene in una democrazia nata dalla fine di una dittatura tragica che, negli ultimi anni, è stata svilita al punto di lasciare libertà d’azione anche a chi si richiama esplicitamente alla violenza fascista: in una Italia dove i governi colpiscono quotidianamente i lavoratori e soffiano sul fuoco della guerra tra poveri, le prove tecniche di fascismo sono già lì, senza nemmeno il bisogno di questi picchiatori. Una idea distorta di “libertà di espressione” porta questi frutti: già in tantissime città d’Italia, quando i neonazisti si sentono “liberi” di manifestare, poi arrivano le aggressioni notturne e le botte a chi non la pensa come loro.

Diamo la nostra massima solidarietà al giovane lavoratore aggredito e chiediamo a tutte e tutti, ai cittadini, ai lavoratori e alle istituzioni di non voltarsi dall’altra parte davanti quanto sta succedendo, perché la fase di crisi sociale che stiamo vivendo è sempre più drammatica e dal passato tornano anche i fantasmi del nazismo.

Primo Maggio eQualitario

mai2017Quest’anno il nostro primo maggio torna alle origini di condivisione e festa. A Quingentole in riva al Po, per la Festa dei Lavoratori 2017 all’insegna della tradizione e del futuro: la tradizione di un evento celebrato “come una volta”, unita al futuro di libertà, solidarietà e giustizia sociale da conquistare.

Dalle 11 ci sarà spazio per tutte le possibilità: per chi vorrà prenotarsi (*) prepareremo grigliata di carne o vegetariana (con un piccolo contributo per la spesa), per chi invece volesse aggregarsi all’ultimo e/o preferisse non delegare la “nobile arte della griglia”, sarà a disposizione la “griglia libera” con le braci mantenute ardenti per tutto il pomeriggio!

Per brindare acqua e vino (ovviamente rosso)!

In clima di condivisione, oltre alla possibilità della griglia aperta, invitiamo tutti/e a partecipare attivamente portando cibi (torte salate, dolci, etc) o bevande da condividere insieme! Ci sarà la possibilità di sedersi a tavola ma anche tanto spazio per stendere teli.

Nel pomeriggio possibilità di escursione sul fiume con la #StaffettadelPo

* – PER PRENOTARTI PER LA GRIGLIATA CONTATTACI TRAMITE LA PAGINA FB, CON UNA MAIL A GRUPPOEQUAL@GMAIL.COM OPPURE CON SMS/MESSAGGIO WA AL 3405759764.

SOLIDARITY MUSIC FEST: VINCE LA SOLIDARIETÀ

burst
Grande partecipazione alla serata di raccolta fondi per le Brigate di Solidarietà Attiva

Successo per la serata organizzata dall’Associazione eQual in collaborazione con il circolo Arci Virgilio. Davanti alle immagini del terremoto e dell’emergenza neve, siamo stati tutti colpiti dalla devastazione e dai segnali di uno Stato allo sbando che da anni taglia, privatizza e cancella tutto ciò che non rientra nei “parametri di mercato” abbandonando all’isolamento e/o alla speculazione le zone più periferiche delle città e dei territori.

Tra le forze migliori che emergono nei periodi di maggiore crisi ci sono gruppi autorganizzati che praticano la solidarietà in senso democratico: per questo abbiamo organizzato una serata di raccolta fondi per sostenere le Brigate di Solidarietà Attiva – Terremoto Centro Italia, attive nelle zone martoriate dalle calamità naturali e dalla crisi economica, sperimentando una gestione dell’emergenza basata sul protagonismo delle popolazioni, coesione sociale e mutuo soccorso.

Una serata che ha coniugato l’impegno socio-politico con l’aggregazione sociale e con lo stare insieme a ritmo di blues-rock, mettendoci anche una buona dose di convivialità culinaria. È stato un successo per il quale ringraziamo tutte e tutti i partecipanti, Arci Virgilio Club, il gruppo operativo cucina, il forno La bottega di Gaia che ci ha offerto alcuni suoi prodotti e le band “Soul of a Man” e il “Trio Loski” che hanno accettato di suonare per beneficenza sostenendo questa importante causa.

Mentre in giro regnano diseguaglianze ed individualismo e ci sono sciacalli con (e senza) i doposci che speculano sulle tragedie, noi scegliamo di andare controvento costruendo partecipazione e solidarietà attiva.

Uniti siamo tutto!

 

Solidarity Music Fest per le BSA

solidaritybluesfestwebIl 5 FEBBRAIO: SOLIDARITY MUSIC FEST
Concerto di raccolta fondi a Mantova, @ Arci Virgilio per il terremoto e l’emergenza neve

Apertura circolo ore 19 con aperitivo a buffet
Dalle 20 live music con:
★ SOUL OF A MAN (Blues rock)
★ TRIO LOSKI (Rock’n’roll / R&B)

Associazione eQual e Arci Virgilio Club scelgono di sostenere le Brigate di Solidarietà Attiva – Terremoto Centro Italia che praticano nel concreto un’idea solidale che è allo stesso tempo protezione civile, coesione sociale e mutuo soccorso.

Le immagini del terremoto e della nevicata che hanno flagellato il Centro Italia si accompagnano al disastro di uno Stato corrotto e allo sbando. Abbiamo visto le donne e gli uomini del volontariato e i lavoratori dei corpi di Stato come Protezione Civile e Vigili del Fuoco darsi da fare per salvare le vite di donne, uomini e animali. Tra le forze migliori che emergono nei periodi di maggiore crisi ci sono gruppi autorganizzati che praticano la solidarietà in senso democratico.

Il 5 febbraio il concerto Solidarity Music Fest raccoglierà fondi da destinare alle BSA che da mesi sono attive nel Centro Italia nelle zone martoriate dalle calamità naturali. Il circolo aprirà alle ore 19 con un aperitivo a buffet: dalle 20 per sostenere l’evento suoneranno i giovanissimi “Soul of a Man” ed il “Trio Loski”.

Ingresso con tessera Arci a sottoscrizione (minima) di 5 euro.

La paura dell’uomo nero

quomoneroguerra tra poveri: come e perché e a chi fa comodo

Ogni giorno la nostra vita è inquinata da casi di cronaca, bufale e boiate di propaganda che mescolano lavoratori stranieri, immigrati e richiedenti asilo: dai media e dalle invettive politiche emergono solo criminalità, falsità atroci, omissioni e buonismo scadente con l’unico risultato di aumentare la percezione di insicurezza e scatenare la guerra tra poveri. Noi non ci vogliamo adeguare alla corrente e preferiamo dire due o tre cose meno di comodo, ma sicuramente più utili a comprendere di cosa si sta parlando e preparare gli antidoti al veleno quotidiano.

In Italia oggi ci sono 5 milioni di immigrati provenienti da tutto il mondo e di diverse religioni. Alcuni sono simpatici, altri meno, ma il dato incontrovertibile è che 2.300.000 di loro sono lavoratori e lavoratrici, quasi mezzo milione sono i disoccupati; 800.000 i minorenni scolarizzati. 500.000 sono i piccoli imprenditori, commercianti e autonomi. Tra i lavoratori sono maggiormente diffuse le occupazioni nell’industria, nella logistica e ancora di più nell’agricoltura. Nelle campagne, anche nelle nostre, si registrano diversi casi di caporalato e sfruttamento da parte di imprenditori italiani. Gente che lavora come noi e che dobbiamo definire non in base al colore della pelle e della religione, ma per il fatto che viviamo la stessa crisi; semplicemente “lavoratori stranieri”.

Chi sbarca in Italia dopo essere sopravvissuto a viaggi disumani (gestiti da un traffico mafioso di scafisti) è sempre e comunque un essere umano come tutti noi: non ci sono i “negri in catene” che arrivavano secoli fa alla corte dell’uomo bianco e come noi italiani possono essere onesti e simpatici o degli emeriti cialtroni, provengono da zone povere e in guerra o ricche ma corrotte fino al midollo; per questo non ci stiamo alle generalizzazioni tipo “immigrati di merda” o solo “poveri fratelli migranti”.  Sicuramente finire tra le grinfie di un circuito economico pieno zeppo di errori che ne cura l’accoglienza non alimenta la solidarietà degli italiani e non incoraggia alla fiducia gli ultimi arrivati.

Lo diciamo da tempo e lo ripetiamo che uno stato che privatizza (anche) l’accoglienza, che crea un sistema di arricchimento per pochi soggetti privati, di sfruttamento lavorativo per tanti operatori e che lascia solo delle briciole agli ultimi anelli della catena, ovvero i richiedenti asilo, non è “buonismo di sinistra”,  ma un vigliacco “affarismo di destra; chiunque faccia profitto sull’emergenza profughi o chi ci si infila solo per raccattare soldi e visibilità fa schifo tanto quanto i buffoni neonazisti che ci fanno sopra campagna politica con petizioni, presìdi e altre boiate che colpiscono il richiedente asilo e non tutto il circuito economico. E sia chiaro che entrambe le categorie sono nemiche dell’uguagalianza, della solidarietà e della giustizia sociale.

Ed è pur vero che c’è la criminalità, ci sono i “clandestini” e ci sono i problemi nelle periferìe: proprio perché abbiamo toccato con mano questi problemi, vogliamo dire anche qui due cose molto semplici. Con leggi infami come la Bossi-Fini se un lavoratore straniero che ha faticato per due mesi o dieci anni e perde la sua occupazione, in breve tempo diventa anche clandestino e, per finire nel lavoro nero o tra le grinfie della criminalità, il passo è veramente breve. Tra i milioni di immigrati ci sono sicuramente anche sbandati e piccoli criminali, ma questa –cascasse il mondo- è una minoranza della minoranza continuamente amplificata dai media e da certa politica: indovinate voi il perché. La politica che da decenni è tutta intenta a privatizzare e distruggere lo stato sociale, nel frattempo ha creato le condizioni per sbattere tutti gli immigrati nei quartieri più difficili in modo da creare veri e propri ghetti dove il disagio sociale si fa sentire con più forza: nel disagio e nella ghettizzazione sociale vanno a pescare proprio i radicalismi dei fascio-islamici dell’Isis come i neonazisti di casa nostra.

La crisi economica, sociale e politica sta però colpendo in egual modo lavoratori italiani e stranieri, i disoccupati e i pensionati senza confini di provenienza o di religione. Visto che il problema parte tutto da economia, lavoro e guerra (bombardamenti, esportazione armi, sostegno a dittature corrotte “amiche”) basterebbe questo spaccato orgogliosamente “di classe”  per prendere insieme la rincorsa da sinistra,  ribaltare tutta la retorica che alimenta una lurida guerra tra poveri e colpire finalmente speculatori, banchieri, padroni e politicanti che sfruttano e rubano il futuro a questo paese.
Vogliamo la sicurezza e per ottenerla non servono “stati di polizia”, ma vanno fermate le guerre, la vendita di armi ed il sostegno a dittatori come Erdogan. Vogliamo la sicurezza sociale e per farla serve una politica di welfare che procuri sanità, istruzione, case e una accoglienza slegata dal profitto di pochi: rompendo così con decenni di tagli e privatizzazioni bipartisan.

È ora, prima che sia troppo tardi.

Solidarietà ai metalmeccanici in sciopero

13029712_1088990974476557_8748808847060278009_oQuesta mattina abbiamo partecipato alla manifestazione di Mantova per lo sciopero dei lavoratori metalmeccanici. La lotta degli operai per il rinnovo del contratto riguarda tutti/e e l’adesione dalle varie fabbriche della provincia (Belleli, Cima, Bondioli&Pavesi, Zanetti, Piusi, Comer, Berman, Marcegaglia, etc.) è stata altissima.

In Italia e nel nostro territorio c’è chi si arricchisce sulle nostre spalle (portando pure i capitali all’estero) mentre i lavoratori sono costretti a subire le delocalizzazioni e l’aumento della precarietà (voucher e Jobs Act) e chi lavora fatica sempre di più per stipendi sempre più bassi. Provano in tutti i modi a dividerci, ma questo attacco violento non fa distinzioni tra lavoratori italiani o stranieri e colpisce anche l’istruzione, la sanità e i beni comuni. Per questo la solidarietà tra lavoratori di diverse categorie, ma anche tra studenti, pensionati e inoccupati diventa ancora più importante. È ora di dire basta e invertire la rotta contro l’arroganza del Governo e degli imprenditori-padroni partendo dalla difesa del contratto nazionale e dagli aumenti salariali. Per questo abbiamo partecipato allo sciopero uniti e determinati.

Una tonnellata di arance solidali

gasfbA San Benedetto Po sono arrivate oggi, venerdì 25 marzo, una tonnellata di arance divise in oltre un centinaio di casse ed alcuni prodotti tipici calabresi ordinati dal Gruppo di Acquisto Solidale “Il Filo di Paglia” organizzato dall’associazione eQual, a cui hanno partecipato anche i soci del Manto-Gas e il circolo Arci Fuzzy di #Mantova.

Dopo gli ordini di pasta, birre artigianali e caffè, questo è uno dei primi ordini che viene spedito a Mantova direttamente da Rosarno dalla neonata cooperativa “Mani e Terra” che raccoglie l’eredità dell’associazione SOS Rosarno consolidandone l’esperienza all’insegna della giustizia sociale e della sostenibilità ambientale. Attraverso l’organizzazione di un Gruppo d’Acquisto si possono avere beni di consumo di qualità, etici e ad un prezzo contenuto. La pratica dell’acquisto collettivo di beni di consumo, con un approccio critico al meccanismo di imposizione dei prezzi da parte delle catene di supermercati ai produttori, è in espansione anche in Italia ed evidenzia come sempre più spesso le persone comuni, unite, possono e vogliono fare la differenza, anche attraverso scelte quotidiane consapevoli.

L’acquisto in gruppo, inoltre, contribuisce ad abbassare considerevolmente il prezzo dei prodotti, a vantaggio di chi acquista. Il paniere scelto dagli attivisti dell’Associazione eQual comprende solo fornitori riconosciuti come promotori di una visione etica volta a tutelare la dignità dei lavoratori e la sostenibilità ambientale. Con il Gruppo d’Acquisto Solidale vogliamo contribuire ad ampliare il raggio d’azione delle buone pratiche che possono aiutarci a migliorare questo mondo, anche attraverso piccoli gesti.

Per il ritiro dei prodotti ordinati, l’appuntamento è per il tardo pomeriggio di oggi, dalle 18.00 alle 20.00, presso la sala-bar del Circolo Arci Primo Maggio di San Benedetto Po, via Trento 9.

Il prossimo ordine imminente sarà quello di saponi per il corpo e prodotti per la casa mentre per quanto riguarda birra, pasta e caffè le ordinazioni ricominceranno il 24 aprile e proseguiranno fino all’8 maggio. Per informazioni: gas.ilfilodipaglia.equal@gmail.com

Houston avete un problema: la Belleli resiste


12773274_10207758143065340_2023186588_oSolidarietà ai lavoratori in lotta

Alla Belleli di Mantova sta andando in scena una recita vergognosa, con manager-sciacalli che giocano con le vite delle persone. A fine febbraio è arrivata la “proposta” di Alix Partners che da qualche tempo si è insediata alla guida della fabbrica di via Taliercio: disdetta dei contratti, taglio salari, licenziamenti e la cancellazione dei diritti conquistati in anni di lotte e sacrifici.

I lavoratori hanno sentito puzza di bruciato intorno a questa imposizione di sacrifici che chi comanda si sente legittimato a sbattere in faccia gli operai. Sono stati i lavoratori, tramite la propria RSU, a far saltare giustamente il banco bloccando subito la fabbrica con uno sciopero ad oltranza e cacciando i manager dai cancelli dello stabilimento. Tre giorni di mobilitazione che come eQual abbiamo seguito da vicino: blocchi stradali, belleliassemblee affollate e l’autogestione della produzione dei lavori già iniziati.
Con le repentine dimissioni dell’Amministratore Delegato di Belleli Energy Cpe, Daniel Schlanger, si fa strada l’ipotesi sciagurata che i “consulenti economici” della Alix Partners volessero (e vogliano) tagliare i costi del lavoro (stipendi ed esuberi) per vendere l’azienda al miglior offerente, il tutto sulla testa di 320 lavoratori.

La situazione è in evoluzione e per questo è necessario sostenere questa lotta operaia perché quello che si profila è uno scontro di classe che riguarda tutte e tutti i lavoratori e i cittadini mantovani.

INTERVISTA AL SEGRETARIO DELLA FIOM (ed RSU della BELLELI) MAURO MANTOVANELLI: https://www.youtube.com/watch?v=KmApU6Mb7OI

Rice Up! #2 – un ringraziamento a tutte e tutti

riceup2Con queste parole vorremmo ringraziare le tantissime persone che hanno partecipato a RICE UP! #2, la seconda cena sociale dell’associazione eQual.

Da tre anni e mezzo lavoriamo quotidianamente alla (ri)costruzione di un profilo concreto di impegno socio-politico di base e le serate come quella di ieri rafforzano la convinzione che il percorso intrapreso sia quello giusto. Nel nostro pensare e agire sul territorio, sulla solidarietà tra lavoratori e per il diritto alla città, abbiamo fatto la scelta di una cena caratterizzata dall’uso quasi totale di prodotti biologici, a KM zero e senza sfruttamento di chi lavora.

Le sfide che abbiamo davanti sono molteplici: la disoccupazione e la violenza delle contro-riforme del lavoro ci ricordano chi è l’avversario e qual è il suo obiettivo; le privatizzazioni e le cementificazioni del nostro territorio parlano la stessa lingua, ovvero quella degli interessi privati contro l’interesse dei cittadini e dei lavoratori. Un’epoca difficile in cui andando oltre la rassegnazione e l’individualismo si lotta anche contro l’infezione della guerra tra poveri fomentata dai burattini del potere.

In questo “tempo di bufera” noi abbiamo scelto da tempo di andare controvento e sappiamo di essere in tanti e tante. La partecipazione alla serata di ieri, le accalorate discussioni ai tavoli, insieme alla crescita dell’associazione e al contributo che viene dato quotidianamente da sostenitori vicini e lontani sono il risultato di un lavoro duro e appassionato che si rafforza e si propone di trasformare radicalmente l’esistente.

E insieme possiamo farlo. Insieme lo stiamo facendo.
Grazie veramente di cuore a tutte/i.